sabato 27 gennaio 2018

The genomic landscape of Nepalese Tibeto-Burmans reveals new insights into the recent peopling of Southern Himalayas.

Nature, Scientific Reports, 7 (2017), 2045-2322.

















Un recente lavoro pubblicato su Scientific Report, rivista del gruppo Nature, a cui ho dato un mio contributo quale socio Ex-Plora e IsIPU.

https://www.nature.com/articles/s41598-017-15862-z

Lo studio, condotto presso il Laboratorio di Antropologia Molecolare del Dipartimento di Scienze Biologiche Geologiche e Ambientali dell’Alma Mater di Bologna, ha analizzato il patrimonio genetico delle popolazioni di origine est asiatica che abitano le valli di media e alta quota del versante nepalese dell’Himalaya (dei Tamang che vivono a circa 2000 metri di altitudine e degli Sherpa della Rolwaling Valley che vivono ad oltre 3600 metri di altitudine), con l’obiettivo di ricostruirne la storia biologica e demografica.
In particolare, il popolo Sherpa della Rolwaling Valley oggetto del presente studio è il candidato ideale per svelare come l’uomo sia stato capace di adattarsi all’ipossia ipobarica, la riduzione della disponibilità di ossigeno ad alta quota.
Lo studio potrà dare importanti aiuti anche in campo medico.

Vedi anche qui:
https://www.researchgate.net/publication/321057712_The_genomic_landscape_of_Nepalese_Tibeto-Burmans_reveals_new_insights_into_the_recent_peopling_of_Southern_Himalayas